Titolo

Dimensioni font: A- A+

Home > Documentazione > Notiziario Distrettuale > Dai nostri Club > Coronavirus: tanti progetti realizzati dai Club del Distretto

Scarica l'articolo in PDF

Coronavirus: tanti progetti realizzati dai Club del Distretto

Un messaggio del Presidente internazionale Maloney ai rotariani

I 66 Club del Distretto 2071 sono mobilitati ad affrontare i problemi sanitari e sociali legati all’emergenza provocata dal Coronavirus, grazie anche all’appello lanciato dal Governatore Massimo Nannipieri. La gara di solidarietà ha ormai abbondantemente superato i 300mila euro per il valore degli strumenti tecnologici, dei dispositivi di protezione e di tanto altro materiale, che sono stati consegnati agli ospedali della Regione, ma anche a varie associazioni di volontariato e alle case di riposo, tutte impegnate ad affrontare una emergenza da virus che ormai coinvolge tutto il mondo.

Vediamo cosa è stato fatto finora dai Club (l’elenco ragionato degli interventi qui riportato sarà in continuo aggiornamento in base alle informazioni che saranno inviate via via dai singoli Club), mentre molti altri stanno concretizzando importanti interventi valutabili, al momento, in un valore superiore ai 250mila euro. 

AREA ETRURIA

Club AREZZO

- Il primo intervento effettuato è stato quello di un acquisto di 2.100 mascherine di tipo N95 (paritetiche alle FTP2) dalla Cina, da destinare direttamente al Pronto Soccorso dell’ospedale San Donato di Arezzo. L’arrivo da Hong Kong è previsto per il giorno 3 aprile. Ad oggi comunque il nostro Club grazie anche alla generosità di singoli soci (due farmacisti ed un imprenditore orafo), ha già donato 400 mascherine di tipo chirurgico, 20 litri e più di liquido e/o gel igienizzante per le mani, occhiali protettivi e qualche tuta usa e getta. 

- Il secondo intervento è stato quello di istituire un conto per la raccolta di fondi al fine di poter destinare altre risorse economiche al Pronto Soccorso di Arezzo attraverso il nostro sito www.rotaryarezzo.org e la nostra pagina su FB Rotary Club Arezzo. A differenza dei reparti di Malattie Infettive e di Terapia Intensiva dell’Ospedale di Arezzo, il P.S. è quello penalizzato che vive al momento il maggior disagio per carenza di materiale per la protezione dei propri addetti. Mentre il primo acquisto è stato fatto dal nostro Club con i risparmi delle conviviali e dei caminetti non svolti nei mesi di marzo e di aprile prossimo, il secondo sarà fatto con la raccolta fondi che abbiamo istituito e che non riguarda solo i nostri soci, ma è aperto a tutta la comunità aretina. Il nostro obiettivo è quello di destinare tra i due interventi una cifra complessiva pari a 10.000 Euro. 

- infine il nostro Club metterà  a disposizione di medici ed infermieri ospedalieri, di medici di famiglia e di pediatri un servizio gratuito telefonico e di videochiamate di ascolto e sostegno psicologico tramite whatsapp. Il servizio sarà disponibile tutti i giorni, dalle ore 8:00 alle ore 10:00 e dalle ore 12:00 alle ore 14:00, anche nei giorni di sabato e domenica.
Alle chiamate risponderà un medico Specialista in Psichiatria e Psicoterapia - nostro Socio. 

Club AREZZO EST

- Valutata la necessità manifestata dai sanitari, è stato donato all'ospedale di Arezzo un carrello per l'emergenza alla rianimazione e il tablet per connettere pazienti e familiari, per una spesa di circa 6.500 euro.

- E' in corso un ordine per l'acquisto di mascherine per l'ospedale di Arezzo e per associazioni di assistenza locali. Già fatta una donazione di 200 mascherine FFP2 alla PA "La Croce Bianca di Arezzo"

Club CASENTINO

Il Club Rotary Casentino ha provveduto all'acquisto di 26 pulsossimetri (o saturimetri) per il controllo del livello di ossigeno nel sangue, da utilizzare al domicilio dei pazienti attraverso i medici di base. Pensiamo anche di acquistare mascherine per le nostre strutture sanitarie.

Club CORTONA VALDICHIANA

 - Predisposto l’acquisto di 2000 mascherine chirurgiche e 1500 mascherine ffp2 per un totale di 5500 euro interamente finanziate dalle riserve del club dovute a mancate riunioni nell’ultimo mese e mezzo e da contributi straordinari dei soci. 

- In settimana arriverà un pacco omaggio con materiale medico (mascherine e tute protettive) dal Rotary Club di XuZhou (Cina) con cui il Presidente è in contatto. Sono stati presi ulteriori contatti per richiedere tute e camici usa e getta di cui c’è penuria nei nostri ospedali. 

- Intendiamo attivare la consegna di beni di prima necessità ai bisognosi in collaborazione con il Comune di Cortona e forse anche con altri Comune della Valdichiana. 

Club SANSEPOLCRO PIERO DELLA FRANCESCA

Su indicazione della socia Paola Vannini, Assessore alla sanità del Comune di Sansepolcro, i club services della Valtiberina Toscana, Rotary, Lyons, Fidapa, Sorptmist, e Innerwheel hanno contribuito, insieme, ad un service prezioso per l'Ospedale di Sansepolcro.  Si tratta di un impianto che serve a stabilire una zona filtro tra l'operatore e il paziente che tramite la rampa del pronto soccorso porta alla camera calda. Una volta fermata l'auto nessuno scende dalla stessa ma viene direttamente interpellato tramite il sistema interfono. Quindi l'operatore e il paziente non hanno nessun contatto, infatti tra gli interessati ci sono due porte di vetro di separazione. 

Club VALDARNO

Tramite il CALCIT Valdarno (Associazione locale per la  lotta contro i tumori), sono stati donati 1.500,00 euro all'ospedale del Valdarno

AREA MEDICEA 1

Il Rotary Club Firenze Est si è unito alla raccolta fondi per la fornitura di nuovi respiratori al maggiore ospedale della Toscana, attivata dall'associazione Amici del Pronto Soccorso di Careggi. I nuovi macchinari sono arrivati a Firenze il 30 marzo ed immediatamente avviati all'Ospedale. 

Il Club, presieduto da Stefano Selleri, ha devoluto all'iniziativa l'intera somma destinata al Premio “Testimonianza Barbara Bona”, pari a 15.000 euro. 

Ben 36mila euro reperiti tra i soci con l’obiettivo raggiunto di regalare due respiratori al pronto soccorso dell’ospedale fiorentino di Careggi: il Rotary Club Firenze Ovest si è distinto mettendo in pratica una solidarietà concreta, rapida e tangibile. Il primo respiratore è stato acquistato intorno al 20 marzo e consegnato al reparto. Il secondo è arrivato pochi giorni dopo, completando un’iniziativa che ha dato sostegno importante alla struttura fiorentina.

il Rotary Club Firenze Est, insieme ai rotariani del Firenze Nord, Firenze Certosa e Firenze Lorenzo il Magnifico ha proceduto all’acquisto di 10 condizionatori d’aria per la struttura della protezione Civile che ospita persone coinvolte nell’emergenza.

Il 3 aprile il Presidente Piero Germani a nome del Rc Firenze Sud, insieme al past president Filippo Cianfanelli, medico dell’anonimo donatore, ha consegnato quattro ventilatori polmonari ad alta tecnologia Carat II Pro, pari ad un importo di euro 15.000, e oltre 150000 mascherine chirurgiche al dott. Landini, direttore delle Specialistiche Mediche dell’USL Toscana Centro, che ha ricevuto personalmente i quattro respiratori due dei quali, come da accordi con il donatore, sono stati accettati a nome del Rotary Club Firenze Sud.

AREA MEDICEA 2

Il Rotary Club Firenze Certosa ha lanciato una campagna di adesione volontaria ai propri Soci raccogliendo fondi. Parte di essi, 2000 euro, sono già stati destinati a favore della Fondazione Santa Maria Annunziata onlus per acquisto di mascherine adeguate secondo le drammatiche richieste della nostra socia Paola Vanni neurologa presso ospedale di Ponte a Niccheri. 

Altra quota di 600 euro circa per acquisto di un “pinguino” in accordo col Club FIrenze Nord necessario per organizzare il ricovero in container per pazienti da tenere sotto controllo sanitario post emergenza.

Il Rotary Club Firenze Brunelleschi ha donato 2400 mascherine direttamente al reparto Covid diretto dal dott. W. Castellani dell’ Ospedale “P. Palagi” dell’Usl Toscana Centro

AREA TIRRENICA 1

Due monitor per la visualizzazione dei parametri vitali dei pazienti ed un sistema ecografico palmare per diagnosi e trattamenti rapidi sono stati donati dal Rotary Club di Lucca, insieme a Rotaract di Lucca, per l’ospedale San Luca per aiutare il personale in questo momento di emergenza Coronavirus.

Il Rotary Club Montecarlo Piana di Lucca ha donato all’ospedale 100 tute, 200 visiere, 800 mascherine, 150 litri dei gel disinfettante e sta finalizzando l’acquisto di attrezzature per la cardiologia.

Dopo l'acquisto di 1.000 mascherine FFP2 destinate alla Sanità locale, il Rotary Club Carrara e Massa continua a dare il proprio contributo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus con uno strumento preziosissimo, un ecografo polmonare,

Il Rotary club Marina di Massa Riviera Apuana del Centenario ha inteso con una prima donazione in denaro, espressione di un contributo volontario dei soci tutti, esprimere vicinanza e solidarietà alla sanità Apuana, donando 3.000 euro al reparto Terapia intensiva del Noa.

Il Club è riuscito, attraverso una cooperazione internazionale con il Rotary Club Peninsula di Hong Kong a far arrivare il primo lotto di 200 mascherine che sono già state consegnate alla Casa di riposo  Ascoli Piazza Quercioli di  Massa e Casa di riposo Regina Elena  Via Don Minzoni di  Carrara, sempre del tipo FFP2.

Il Rotary Club Lunigiana ha dato un contributo al comune di Pontremoli e Tresana per attivare la spesa domiciliare con la Protezione civile. Successivamente ha comprato e consegnato Dpi agli ospedali di Pontremoli, Fivizzano e San Andrea di la Spezia: 80 filtri per mascherine Ffp3, 17000 guanti in nitrile, 350 tute non traspiranti e 130 occhiali.
Stiamo aspettando l'arrivo di 2000 mascherine Ffp2. 

AREA TIRRENICA 2

Cinque Rotary Club dell’area Tirrenica 2 (Pisa, Pisa Galilei, Pisa Pacinotti, Cascina e Monte Pisano e Pontedera) si sono mobilitati con importanti iniziative per far fronte all’emergenza Coronavirus: la cifra totale messa a disposizione dai cinque Club è di 44100 euro. La maggior parte dei fondi è stata destinata all’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana per le esigenze che riterrà prioritarie; poi altri soldi sono andati all'Ospedale Lotti di Pontedera per l’acquisto di 4000 mascherine protettive e all’Azienda USL Toscana nord-ovest, fortemente impegnata nell'allestimento di reparti Covid-19 nel territorio pisano.

AREA TIRRENICA 3

Il Rotary Club Livorno ha promosso il “Progetto Covid-19”, destinato a dare supporto al reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Livorno. Grazie ad una raccolta fondi, ancora aperta, sono stati raccolti oltre 40mila euro. E’ stato attivato un gruppo operativo di medici e farmacisti, soci del club, per individuare con l’Asl Toscana nordovest le necessità di strumenti sanitari utili a fronteggiare l’epidemia. E’ stato deciso di indirizzare la donazione per contribuire all'integrazione di apparecchiature (Ventilatori polmonari) e di altri presidi utili ad ottimizzare la ventilazione polmonare, di vitale necessità per fronteggiare l'attuale emergenza coronavirus. 

Il Rotary Club Livorno Mascagni sta perfezionando la consegna al Pronto Soccorso dell’ospedale di Livorno di due monitor multiparametrici e al reparto Terapia Intensiva di otto saturimetri, attrezzature dal costo importante che sono fondamentali per allestire le postazioni di monitoraggio nel percorso dei pazienti a sospetta infezione da COVID-19. Sono inoltre in corso da parte del club verifiche di disponibilità per attivare una importante fornitura di mascherine FFP2 da donare all’ospedale cittadino.

I Rc Castiglioncello e CPL, Cecina - Rosignano, Rosignano Solvay e Rotaract Cecina hanno effettuato una raccolta fondi per acquisto di un ventilatore polmonare per il reparto di terapia intensiva dell’Ospedale di Cecina.
Il Rc Cecina, inoltre, ha effettuato unaaccolta fondi a favore della Pubblica Assistenza di Cecina.

AREA MAREMMA 1

Congiuntamente con l’Associazione “Rosa” di Castiglione della Pescaia e gli altri Club dell’area “Maremma 1” (Monte Argentario, Orbetello e Pitigliano), coordinati dal Governatore nominato Fernando Damiani, il Rotary Club Grosseto, come primo intervento, ha proceduto all’acquisto di mascherine, camici e tute per il personale sanitario che opera all’interno e all’esterno dei presidi ospedalieri della provincia di Grosseto. L’iniziativa è stata presa accogliendo un appello del personale che opera con le autoambulanze, a corto di materiali di protezione, pensando quindi alla loro salvaguardia.

AREA MAREMMA 2

In un momento così difficile come quello che l’Italia intera sta vivendo, il Rotary Club Follonica ha il dovere di avere cura della propria comunità. Per questo in collaborazione con il Rotary di Massa Marittima ed altri club di service, Soroptimist Follonica e Colline metallifere e Lions Club Alta Maremma, si è attivato per fornire attrezzature e materiale medico per l’ospedale di Massa Marittima.

AREA METROPOLITANA 1

I Rotary Club Prato ed il Rotary Club Prato Filippo Lippi hanno consegnato 800 visiere all’ospedale Santo Stefano di Prato. Le visiere in pvc marcate CE sono destinate alla terapia intensiva per proteggere il personale sanitario impegnato nell’emergenza Coronavirus.

Dopo l’iniziativa di Spes Docet “Imprenditori attivi per Ospedale di Prato”, cui il Club Rotary Prato ha aderito, che ha raccolto in pochi giorni un milione di euro e già tradotto nell’acquisto di dispositivi di protezione individuale e attrezzature sanitarie destinati alle strutture ospedaliere della Asl centro.

Rotary e Rotaract Club Mugello si sono uniti per sostenere l’Ospedale di Borgo San Lorenzo nella lotta contro il Covid-19 con un’importante donazione al DEA, Dipartimento Emergenza-Urgenza ed Assistenza del valore di 6.000 euro.

I due sodalizi, presieduti rispetivamente da Sabrina Malavolti Landi e da Andrea Tani hanno sentito la dottoressa Tiziana Faraoni della Direzione sanitaria dell’Ospedale del Mugello , e sono così riusciti ad individuare uno strumento utile, del quale la struttura mugellana era priva, e hanno così acquistato il Monitor multiparametrico Efficia CM 12 Philips che permetterà, oltre il monitoraggio, l’analisi, la registrazione, la generazione di allarmi relativi ai diversi parametri fisiologici dei pazienti adulti, pediatrici e neonatali, colpiti da Covid-19, durante il trasporto dall’esterno all’interno della struttura sanitaria, fino alla terapia intensiva. 

AREA METROPOLITANA 2

I Rotary Club Firenze Valdisieve, Bagno a Ripoli, San Casciano Chianti, Bisenzio Le Signe hanno finanziato un'azione di sostegno alle strutture sanitarie che servono il loro territorio. In particolare è stato individuato come obiettivo l’Ospedale Santa Maria Annunziata di Ponte a Niccheri, Bagno a Ripoli.

I Club in questa settimana hanno fatto un ordine del materiale sanitario indicato dai medici della struttura, tra cui 5.000 mascherine, per un importo complessivo di 9.000 euro. 

Il Rotary Club Scandicciha provveduto a donare la cifra necessaria per l’acquisto di un respiratore polmonare finalizzato ad attivare nuovi posti in terapia intensiva nell’Usl Firenze centro.

AREA TOSCANA 1

Il Rotary Club Pistoia-Montecatini Terme ha lanciato una raccolta fondi per fare fronte alle necessità più urgenti dei medici dell’ospedale San Jacopo di Pistoia, per quello di Pescia e per i Comuni della Valdinievole più per le associazioni di volontariato per l'assistenza domiciliare.

Grazie alla generosità dei soci del Club e di tanti pistoiesi non rotariani in pochi giorni sono già stati raccolti oltre diecimila euro. Nel frattempo, sono state trovate, non senza difficoltà, e acquistate mille mascherine chirurgiche. Inoltre, è stato comprato un catatere venoso centrale con ecografo wireless, grazie anche al ricavato di un concerto musicale effettuato a dicembre. 

Il Rc Pistoia Montecatini Terme “Marino Marini“ ha donato una barella per biocontenimento all’Ospedale San Jacopo di Pistoia + 20 tablet a 3 scuole per l’aiuto ai ragazzi per la didattica a distanza.

Il Rc Empoli ha fornito un respiratore polmonare alla Misericordia di Empoli per il nuovo reparto di terapia intensiva dell’Ospedale di Empoli + campagna di controllo dello stato di salute dei medici mediante test sierologici

Il Rotary club Castelfranco di Sotto-Valdarno Inferiore ha donato 3000 mascherine e 1.500 paia di guanti. Questo kit è stato destinato alle attività commerciali del territorio aperte in questo periodo, che stanno svolgendo un servizio di prossimità assai utile ed importante. 

Il club di San Miniato ha quindi acquistato e donato 250 mascherine per la struttura Casa Verde di San Miniato e 250 per il servizio di protezione civile del Comune di Montopoli in Val d’Arno. Versato un contributo di 1000 euro alla Caritas diocesana, che ha i magazzini al momento quasi vuoti di generi alimentari da fornire alle persone più disagiate e che il blocco di tutte le attività e socialità, nel giro di poche settimane, ha portato molte persone a non avere più denaro per comprarsi da mangiare. 

Il Rotary Club Fucecchio-S. Croce sull’Arno ha destinato 2.500 euro alla ASL del territorio con l’esplicita indicazione da erogare al Reparto di Terapia Intensiva dell'Ospedale di Empoli

AREA TOSCANA 2

Tutti i Rotary Club del Raggruppamento Toscana 2 (Siena, Siena Est, Alta Valdelsa,  Valdelsa, Chiusi-Chianciano-Montepulciano, Montaperti Castelnuovo Berardenga), coordinati dall'Assistente del Governatore Pietro Burroni, hanno partecipato ad una raccolta fondi da destinare alla Misericordia di Siena.

L’iniziativa congiunta ha consentito di raccogliere in totale 12.000 euro destinati al noto impegno di volontariato e solidarietà che la Misericordia da sempre effettua in favore delle fasce più deboli della popolazione.

Sempre in tema di pandemia, i Club hanno aderito alla raccolta fondi promossa dal l’Ordine dei Medici della provincia di Siena finalizzata all’acquisto di 5.000 mascherine di tipo FFP2, le più difficili da reperire, destinate al personale medico e infermieristico impegnato nella lotta contro  il coronavirus.

Il Rotary Club di Chianciano Chiusi Montepulciano, insieme al Lions Club di Chianciano, Il Lions Club di Chiusi, il Lions Club I Chiari Montepulciano hanno donato un apparecchio ventilatore all'Ospedale di Nottola.

Anche il Rotary Club Valdelsa si mobilita con una serie di donazioni ad alcune associazioni di volontariato del territorio, impegnate in prima linea nell’intercettare situazioni di fabbisogno tra coloro che l’emergenza sanitaria in corso rende ancora più fragili e in difficoltà. In tutto sono stati donati 3mila euro così distribuiti: mille euro ciascuno alla Caritas di Certaldo e di Castelfiorentino e altrettanti mille euro alla Misericordia di Siena per interventi mirati nell’ambito dei propri Comuni di riferimento.

I progetti sintetici predisposti dai Club del Distretto possono essere consultati a questo link:

https://www.rotary2071.org/content.php?p=not&nid=1855

(Lunedì 23 Marzo 2020)

Torna indietro